Conferenza dei Collegi

  • DSC_0643
  • DSC_0025
  • DSC_0028
  • DSC_0029
  • DSC_0038
  • DSC_0048
  • DSC_0061
  • DSC_0065
  • DSC_0088
  • DSC_0111
  • DSC_0131

La Conferenza dei Collegi Universitari di Merito legalmente riconosciuti dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (CCUM) è l’associazione che riunisce e rappresenta presso le istituzioni e i gruppi di interesse nazionali e internazionali i 14 Enti che gestiscono 47 Collegi di Merito su tutto il territorio nazionale.

I Collegi uniscono al modello residenziale una solida e intensa attività culturale, accademica e formativa: lo testimonia anche oltre il 30% degli spazi fisici complessivi specificamente adibito a luoghi di studio, aule, laboratori e aree ricreative.

  • Più di 100 corsi universitari promossi dai Collegi, accreditati, grazie un Protocollo di intesa con la CRUI, da oltre 20 Atenei e aperti a tutta la comunità studentesca, con un’attenzione ai temi della ricerca più avanzata
  • Intensa attività culturale multidisciplinare: conferenze e dibattiti, concerti e cineforum, project work e incontri di orientamento allo studio e al lavoro. Una media di oltre 700 all’anno le occasioni di incontri aperti al pubblico che coinvolgono oltre un migliaio di relatori dall’Italia e dall’estero: quasi il 12% è costituito da Alumni collegiali. Due nomi per tutti, di ambiti diversi: Umberto Eco e Luca Cavalli-Sforza.
  • Confronto con personalità provenienti o operanti anche all’estero: Robert Altman, David Grossman, Odile Decq, Nicholas Negroponte, Silvana Arbia, Inge Feltrinelli…
  • I collegi pavesi tra i membri fondatori dello IUSS, Scuola Universitaria Superiore a ordinamento speciale (dal 2005)

  • Importanti le ricadute per gli studenti collegiali, in particolare:

  • attivazione di iniziative interne: creazione di associazioni studentesche, gruppi musicali, commissioni organizzative degli eventi e coinvolgimento diretto degli studenti come protagonisti
  • influenza su scelte di tesi e orientamento professionale, supporto nel corso di studi.

  • Vivere in Collegio significa crescere come individuo ma anche condividere: si formano persone che affiancano a un’alta preparazione accademica la capacità di lavorare in squadra con colleghi di diverse discipline e appartenenti a più “generazioni” (alunni junior, senior e mentori).

    Con la loro attività formativa e didattica i Collegi affiancano gli Atenei italiani con un modello interdisciplinare che pone al centro di ogni attività lo studente come persona capace di sviluppare senso critico, capacità di giudizio e senso di responsabilità. Promuovono e potenziano, in dimensione internazionale, forme di collaborazione con l’Università e di collegamento con la società civile, con una attenzione particolare alla formazione delle competenze trasversali (soft skills) funzionali anche all’inserimento nel mondo del lavoro.

    Nessun commento ancora

    Lascia un commento